Acquista la Guida al Cammino di Santiago - 9,00€ su ilmiolibro.it

Scarica la App 'Cammino di Santiago' dall'Android Market

Tappa 13 (3)

18 marzo,  venerdì  -  Burgos – Hontanas  Km. 31

Partenza alle 7,30; per fortuna prendo un caffè alla macchinetta dell’albergue e una brioche confezionata, perché fuori è ancora tutto chiuso e dopo Burgos si trovano solo piccoli paesi. Faccio i primi10 kmcon Giuseppe, quello di Verona, che mi racconta di una sua amica che non mangia per scelta ascetica, secondo una non meglio definita filosofia indiana; lui è alla ricerca della sua strada. Poi riprende, perché, come avevo visto due giorni prima, lui va molto veloce, ma, nonostante ciò, lo ritroverò ancora. Passano i paesini, ma non c’è neppure un negozio; io, per scelta, non mi porto mai niente da mangiare, conto di trovarne cammin facendo. Un colpo di fortuna: all’ultimo paese, prima di salire sulle mesetas, arriva un camioncino strombazzando e si ferma sulla strada in mezzo al paese: le signore escono di casa e si apprestano verso questo furgone che vende pesce fresco e frutta. Acquisto un’arancia, una mela e una banana che saranno il mio pasto per quel giorno.

Arrivo ad Hontanas alle 16,45. Nell’albergue, una vecchia casa ristrutturata, ritrovo Dani e le due ragazze di Pamplona; alla sera arriva un amico di Dani da Madrid che, siccome lavora, farà due giorni con loro. In mio onore decidono che devono preparare una pasta alla bolognese, tirano fuori due pacchi di “tajarin” (è proprio scritto così sulla confezione!), e, con carne, sugo e un uso spropositato di cipolla, preparano questo piatto. Mi intrometto solo per scongiurare che la pasta si trasformi in colla, ma alla fine ceniamo chiacchierando allegramente, bevendo abbondante vino dato che in cucina non è stato acceso il riscaldamento.