Acquista la Guida al Cammino di Santiago - 9,00€ su ilmiolibro.it

Scarica la App 'Cammino di Santiago' dall'Android Market

Tappa 6

29 ottobre, mercoledì - Estella – Los Arcos – Km. 21,8

I due corridori (austriaco e spagnolo delle Canarie) sono partiti alle 6 e 30, noi partiamo con comodo alle 9, dopo colazione. Prima tappa alla “Fonte del vino” dove si può assaggiare il vino da una fontana pubblica a fianco del grande monastero di Irache. Si tratta di una trovata pubblicitaria di una cantina sul tracciato. Comincia la pioggia. Pioggia che bagna, poi sole e vento che asciuga, poi di nuovo pioggia, ancora sole e vento, così per quattro volte nella giornata. Le nuvole corrono veloci,  ci passano sopra e scaricano la pioggia che hanno in corpo. Paesaggi stupendi esaltati dall’atmosfera da tempesta, gran finale per Paola alla sua ultima tappa. Ci fermiamo in un bar nel punto più alto di quella giornata, ci annunciano che nei prossimi giorni ci sarà ancora pioggia e che per quel pomeriggio si prevede neve in quel luogo. Nel telegiornale della sera vedremo che più avanti sta nevicando e mostrano i pellegrini che proseguono nella neve; non sembrano affatto abbattuti, anzi. Arriviamo all’albergue e fuori incontriamo Damien, il più piccolo del gruppo di ragazzi francesi; lo saluto e lui, con sguardo interrogativo, mi chiede: “Mi conosci?”. “Sono quello che ti ha dato il biscotto questa mattina” gli dico, e lui si illumina e mi riconosce. Al mattino, mentre facevamo colazione, avevamo detto a Damien di prendere qualche biscotto che avevamo sul tavolo, ma lui aveva risposto che non poteva perché non avevano pagato per la colazione, e noi abbiamo insistito finché, guardando che nessuno lo scorgesse, aveva accettato. A Los Arcos l’albergue è colmo, gli ospitaleri ci danno una camera per noi due, ci credono marito e moglie.