Acquista i miei libri su ilmiolibro.it

Scarica la App 'Cammino di Santiago' dall'Android Market

Teatro

Il mio approccio con il teatro avviene durante il liceo, quando, guidati da un regista che lavorava al teatro Adua, mettiamo in scena una commedia buffa. Diciamo che il risultato non fu proprio dei più promettenti, tanto che per diversi anni mi sono limitato a suonare e cantare.

Negli anni ottanta vengo contattato da un gruppo teatrale “I nuovi gobbi” che portano le loro performance in regione. Con questo gruppo si andava nelle scuole superiori con uno spettacolo dal titolo “Notte e nebbia” che intendeva spiegare le ragioni della Resistenza al nazifascismo ai giovani studenti. Con la stessa compagnia portammo in giro nei teatro del Piemonte uno spettacolo dal titolo “Tinghel tanghel”, una storia esilarante che si svolgeva negli anni venti del secolo passato scritta da Karl Valentin, un autore e teatrante tedesco che ispirò, tra gli altri, Bertolt Brecht.

La collaborazione con questo gruppo durò per qualche anno.

Nella primavera del 2013 mi venne in mente di scrivere uno spettacolo teatrale basato sulle canzoni di Giorgio Gaber, ispirato proprio dagli spettacoli di teatro/canzone del grande artista.

In questo spettacolo che ho intitolato “Io se fossi G.” ho voluto ripercorrere, usando lo stesso linguaggio di Gaber, il suo percorso artistico partendo dalle sue prime canzoni, nate esclusivamente come canzoni da ascolto, per poi soffermarmi sulle musiche e sui monologhi inseriti nei suoi spettacoli. Ho pensato che fosse giusto e necessario inserire anche le ultime canzoni scritte e cantate da Gaber.

Ne è uscito così uno spettacolo che permette, a chi non ha avuto l’opportunità di vedere  Giorgio Gaber in teatro, di farsi un’idea di come lui intendeva uno spettacolo di teatro/canzone.

Ho avuto l’impudenza di decidere di fare questo spettacolo da solo, proprio come faceva Giorgio Gaber. Non ho la pretesa di osare un paragone, posso dire però che la risposta del pubblico allo spettacolo è stata superiore alle mie aspettative e mi ha incoraggiato a proseguire.